15 maggio 2020 – Facciamo in modo di non dimenticarci tutto ciò che di bello ci capita nella vita (il giorno e l’anno, le notti passate, le chitarre e le grida…). Partiamo da questo patrimonio e non temiamo il presente!

Ascoltiamo la canzone di ZAZ “Si jamais j’oublie”…

TRADUZIONE:

Ricordami il giorno e l’anno,
ricordami come era il tempo
e se ho dimenticato,
dammi una smossa.
E se mi viene voglia di andarmene
rinchiudimi e butta via la chiave,
con iniezioni di ricordo dimmi come mi chiamo.

Se mai dimenticassi le notti che ho passato,
le chitarre e le grida,
ricordami chi sono e perché vivo
Se mai dimenticassi come correre a gambe levate
se un giorno fuggissi,
ricordami chi sono,
chi mi ero ripromesso di essere

Ricordami i miei sogni più pazzi,
ricordami queste lacrime sulle mie guance
e se avessi dimenticato,
come mi piaceva cantare.

Se mai dimenticassi le notti che ho passato
le chitarre e le grida,
ricordami chi sono e perché vivo
se mai dimenticassi come correre a gambe levate
se un giorno fuggissi
ricordami chi sono chi mi ero ripromesso di essere
ohhhh
ricordami chi sono
se mai dimenticassi come correre a gambe levate
se un giorno fuggissi
ricordami chi sono chi mi ero ripromesso di essere
se mai dimenticassi le notti che ho passato
le chitarre e le grida,
ricordami chi sono,
perché vivo
ricordami il giorno e l’anno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *